è facile smettere di fumare - copertina
Credo stiate passando un momento forse più complesso di chi non fuma in questo periodo.
Se posso permettermi, visto che per tanti il tempo a disposizione è aumentato, vorrei condividere la mia esperienza:
– ero un fumatore felice, non scherzo, consumavo le mie sigarette con gioia e, pur sapendo dei problemi di salute che possono portare, del dispendio economico e della schiavitù data dal “ehi, sono le due di notte, fuori piove e fa freddo ma ho solo una sigaretta, devo uscire a comprarle altrimenti rimango senza”
Ora verrei diretto al dunque: io ho smesso nel 2007, ritrovando una vitalità incredibile che mi ha permesso di affrontare una delle paginae più dolorose della mia vita, ovvero la perdita dei miei genitori e di mia nonna durante l’arco di un lungo anno e mezzo di travagli.
A questi lutti si unirono altri eventi poco piacevoli che non serve aggiungere, ma che davvero mi impegnarono molto per non affondare del tutto, serviva forza e determinazione che l’aver smesso di fumare mi aveva donato

Smettere per errore

Il punto fondamentale è che a suo tempo smisi quasi per sbaglio, leggendo per curiosità un libro, solo per curiosità perché ricordo bene come sostenevo sempre che “a me piace fumare, so che mi farebbe bene smettere, ma mi piace, come mangiare carne, bere birra e concedermi qualche dolce, basta moderarsi”

Ebbene, in realtà non è mai stata cosa più semplice per me smettere e farlo FELICE (non sto scherzando, davvero FELICE fin dal primo momento) 
La gioia di condividere

Non voglio tirarla troppo per le lunghe ma chi mi conosce di persona sa che dopo quell’evento ho regalato copie di quel libro a destra e a manca, tanto stavo risparmiando tanti di quei soldi grazie alla perdita della dipendenza che potevo permettermelo (e non solo quello, ho superato una situazione lavorativa difficilissima dopo i lutti che se non fossi diventato un non fumatore non avrei potuto)

Il libro è quello che metto nel link e mi permetto di suggerirvi di provarlo, alla peggio avrete passato un pomeriggio a leggere senza arrabbiarvi sui social o angosciarvi con le brutte notizie in TV.
Gioia e facilità

Vi assicuro che non è un libro che terrorizza sugli effetti collaterali del fumo, ma si concentra più sul “perché” si fuma, riuscendo in qualche modo a smontare almeno una serie di meccanismi che, pure se non vi faranno smettere, riusciranno eventualmente a farvi diminuire felicemente risparmiando comunque un po’ di soldi e salute

Libreria o Amazon

Sono certo che lo potete trovare in diverse librerie di zona, una l’ho praticamente “svaligiata” per i primi tre anni per quante copie ce ne ho comprate. Credo alcune facciano ora consegne a domicilio, io il link lo metto per farvi capire qual è, magari qualcuno ce l’ha pure a casa e non ha trovato mai il coraggio di affrontarlo che … lo so, per un fumatore non c’è cosa più spaventosa che l’idea di smettere

Ma leggere un libro non vi può costringere mica, alla peggio vi siete divertiti a ridere un po’ dei limiti umani e quando accenderete quella sigaretta in quell’occasione vi sentirete un po’ buffi perché l’autore vi ha spiegato come mai la state accendendo

Fatemi sapere

Se decidete di leggerlo fatemi sapere cosa ne pensate, se doveste decidere, FELICEMENTE, di smettere sarei veramente contento di saperlo.
Se poi succede e in questo periodo difficile riuscite a risparmiarvi soldi e salute direi che sarebbe cosa buona e giusta.
Un consiglio:
Leggetelo di un fiato senza distrazioni

PS LEGGETE LE RECENSIONI

è facile smettere di fumare - copertina

ARTICOLI RECENTI

Una comunità che cresce

Una comunità che cresce

Il gruppo Montesacro - Talenti (III Municipio Roma) ha fatto delle scelteIl gruppo nel tempo ha fatto delle scelte, dettate da esperienza e confronto: si possono pubblicizzare solo attività con sede legale o operativa in zona si parla di argomenti legati al territorio...

Luca Roscio
Author: Luca Roscio

Amante delle vacanze in campeggio, della buona cucina e di tecnologia. Amministratore dal 2015 del gruppo facebook "Montesacro Talenti - III Municipio (Roma)" Webdesigner dalla nascita del web, il primo computer è stato un VIC 20 della Commodore, la prima connessione in rete (Fidonet) nel 1986 tramite un modem a 300 baud.

Share This